Briccialdi Big Band (dir. F. Benevelli) feat Fabrizio Bosso


nota

Composta da allievi dell’ Istituto Musicale di Studi Superiori “G. Briccialdi” di Terni la Briccialdi Big Band è nata nell’ anno accademico 2010/11 a scopo didattico.
Il gruppo, attualmente diretto dal Prof. Fabrizio Benevelli, è composto da una sezione ritmica classica (pianoforte, chitarra, basso, batteria), fiati (saxofoni, trombe e tromboni) e percussioni. La Briccialdi Big Band propone un repertorio che spazia dal Jazz di “In the mood” di Glenn Miller al Latin di “Oye come va” di Tito Puente, dal Funky alla Fusion di “On Brodway” (famosa per le registrazioni del chitarrista George Benson) e “The Chicken” (passata alla storia per le esibizioni live del bassista Jaco Pastorius).
Dal 2013, grazie alla collaborazione con la classe di canto dell’ Istituto “G.Briccialdi”, si aggiunge alla BBB la voce solista di Lucia Filaci nell’ interpretazione di brani Swing come “It don’t mean a thing” di Duke Ellington e brani Pop come “Street Life” di Randy Crawford.
I componenti dell’ Orchestra partecipano a Masterclass tenuti da docenti di chiara fama come il M° Marco Ferri ed il M° Mike Applebaum che in veste di direttori e solisti hanno guidato la BBB in svariati concerti.
Nell’ anno accademico 2013/14 affronta importanti pagine di compositori come George Gershwin, Igor Stravinsky, Leonard Bernstein sotto la direzione del M° Fabio Maestri.
Tra i progetti del 2014 l’ incisione del primo CD del gruppo musicale.
 
BRICC BIA
 
 

Joe Garland In the mood

Miles Davis Tribute to Miles

Duke Ellington In a Sentimental Mood

Bronislau Kaper On Green Dolphin Street

Goordon Goodwin Hunting Wabbits

Quincy Jones Grace

George Gershwin Porgy and Bess Suite

Jimmy Mundy Trav’lin Light

Seymor Simons All of me

Thad Jones A Child is born

Phil Wilsom Basically Blues

Chick Corea Spain

Albert Hammond One Moment in Time

Randy Crawford Street Life

George Benson On Brodway

Alfred James Ellis The Chicken

  1. Sabato 1 Febbraio 2014 Fabrizio Bosso & Briccialdi Big Band

VOCE

Lucia Filaci

 SAXOFONI

Leonardo Crescimbeni, Andrea Leonardi, Alessio Micheli, Francesco Domininicis, Andrea Piccione

 TROMBE

Lorenzo Creti, Beatrice di Mario, Simone Buzi, Antonio Mandosi, Gabriele Gaiba

 TROMBONI

Massimiliano Costanzi, Gabriele Sapora, Giovanni Dominicis, Eugenio Renzetti

 PIANOFORTE

Alessandro Bravo, Lorenzo Pizzuti

 CHITARRA

Federico Ceriola

 CONTABBASSO

Matteo Fabrizi

 BATTERIA & PERCUSSIONI

Fabio Di Santo, Giulio Calandri, Alessandro Beco

 VIBRAFONO

Dimitri Fabrizi

BRICCIALDI

Fabrizio Benevelli (direttore)

E’ docente si Saxofono dal 2001 presso l’Istituto d’Alta Formazione Musicale G.BRICCIALDI di Terni. Diplomato in Saxofono sotto la guida di M.Ferraguti con il massimo dei voti e la lode, in Clarinetto all’istituto A.PERI di Reggio Emilia, partecipa al corso europeo di formazione per professori d’orchestra SUONI a Piacenza, si perfeziona con il Trio di Parma ed i maestri F.Fusi, F.Mondelci, M.Marzi e M.Gerboni.

I° classificato all’audizione presso l’ARENA di VERONA, collabora con le principali orchestre italiane diretto tra gli altri da R.Muti, E.Morricone, A.Lombard, W.Marshall, D.Oren, J.Webb, N.Piovani, Y.Termikanov, W.Barkymer, J.Adams, F.Cramer, K.Farrell, E. Mazzola, V.Parisi, M. Abbado.

Vincitore di numerosi concorsi, solista con le orchestre INTERNAZIONALE d’ITALIA, CITTA di SAN PIETROBURGO, Filarmonica A.TOSCANINI e la Fisorchestra FANCELLI di Terni, è parte integrante di SAXOFOLLIA col quale riceve il primo premio a 8 concorsi internazionali, incide OMAGGIO a J.FRANCAIX (Selmer Paris), LIKE STRINGS (2011), ON THE REEDS (2014), partecipa al XIV WORLD SAX CONGRESS di Lubjana, suona con il saxofonista E.Rousseau, i trombettisti Flavio Boltro e Marco Pierobon, l’oboista Luca Vignali e porta avanti svariati progetti tra cui SAXOFOLLIA Project & GIUFFREDI BROTHERS.

Prende parte agli spettacoli RE NUDO di L.Lombardi con Elio, CANZONETTE VAGABONDE con M.Crippa, OST con Aterballetto di M.Bigonzetti, SORELLE D’ ITALIA con Veronica Pivetti e Isa Danieli, IRONIKONTEMPORANEO con Freak Antoni, NINO ROTA L’AMICO MAGICO con Avion Travel, FRED DAL WISKY FACILE con Franz Campi, LA DOLCE VITA con Orchestra Italiana del Cinema, QUARTETTO del coreografo Francesco Nappa.

Svolge attività artistica con ITALIAN SAX ORCHESTRA, JAZZ ART ORCHESTRA e vari gruppi di musica leggera partecipando ad importanti manifestazioni come il PAVAROTTI & FRIENDS.

Registra il DVD dell’Opera CACHECHITO RASPADO di J. Trigos e numerosi album al fianco di artisti come Fabio Armiliato, Sonohra, Alexia, Jenny B, Hallo Mr Sax, In-Grid, Dahny, Giardini di Mirò, Gattamolesta, Follon Brown, Welcome Bach Sailors (Sony, Decca, Home Sleep Record, Labelle, Kayman).

FabrizioBosso

Fabrizio Bosso (solista)

Ha iniziato a suonare la tromba a 5 anni. A 15 era già diplomato al conservatorio G. Verdi di Torino. Coltivando di continuo gli interessi per la musica di estrazione colta si è accostato al jazz. Un richiamo forte, suadente, a cui il torinese non ha saputo reagire. Tecnicamente impeccabile, ciò che più colpisce di Fabrizio è la creazione di una grafia personale, in cui il colore e la dinamica del suono non sono mai scontati, il senso dello swing è spinto agli eccessi, la tensione creativa è costante anche nell’interpretazione di standard.

Oltre ad aver svolto attività concertistica sotto la direzione di George Russell, Mike Gibbs, Kenny Wheeler, Dave Liebman, Carla Bley e Steve Coleman, è stato anche reclutato da Charlie Haden per alcune tappe del tour promozionale dell’ultimo album della Liberation Music Orchestra.

Nel 1999 viene votato come “Miglior Nuovo Talento” del jazz italiano dal referendum della rivista Musica Jazz, esce il suo primo disco “Fast Flight” in quintetto con Rosario Giuliani pubblicato per la RED RECORDS e negli anni collabora stabilmente nei gruppi di Salvatore Bonafede, Giovanni Mazzarino ed Enrico Pieranunzi.

Ma sono gli anni 2007/2008 a incoronare Fabrizio come uno dei più grandi musicisti italiani. Dapprima il successo nel 2007 di quello che è considerato il suo vero esordio da leader per una casa discografica importante, la BLUE NOTE / EMI ITALIA, “You’ve Changed”, realizzato con il suo quartetto stabile e un’orchestra di tredici archi, la Bim String Orchestra coordinata dal violoncellista Giuseppe Tortora e diretta da Paolo Silvestri, con ospiti Diane Reeves e Sergio Cammariere. Inoltre la partecipazione al successo di “Trouble Shootin’”, bel disco di Stefano Di Battista con il quale ha realizzato importanti tournée in Europa.

Nel 2008 invece, oltre a “Five Four Fun” degli High Five, Fabrizio ha pubblicato “Sol!” (entrambi BLUE NOTE / EMI ITALIA) con il Latin Mood composto da Javier Girotto (co-leader), Natalio Mangalavite, Marco Siniscalco e Luca Bulgarelli, Lorenzo Tucci, Bruno Marcozzi, più l’ospite special Raul Midón. Il secondo disco del Latin Mood, “Vamos”, è stato recentemente pubblicato per l’etichetta SCHEMA RECORDS.

Sempre nel 2008 esce il funambolico duo con Antonello Salis per la PARCO DELLA MUSICA RECORDS: “Stunt” (con cui ha vinto il TOP JAZZ 2009). Fabrizio inoltre, sempre in quell’anno, ha partecipato al progetto, realizzato da Roberto Gatto e dedicato al rock progressivo, inciso anche per la serie Jazz Italiano Live 2008 del La Casa del Jazz / L’Espresso. Di quella collana è presente anche in un altro progetto realizzato da Stefano Di Battista : “Omaggio a Fabrizio De André”.

Nel 2009, dopo un’apparizione in qualità di ospite speciale al Festival di Sanremo, (cui aveva già partecipato la precedente edizione con Sergio Cammariere) al fianco della giovane promessa Simona Molinari, ha partecipato al progetto “About a Silent Way” di Maurizio Martusciello con Francesco Bearzatti, Eivind Aarset e Aldo Vigorito, uscito in allegato a Musica Jazz per celebrare i 40 anni dell’opera di Miles Davis (messo in commercio in seguito da ITINERA con distribuzione EGEA). Ha inoltre realizzato un disco in quartetto, con Luca Mannutza, Luca Bulgarelli e Lorenzo Tucci, per la collana del Jazz Italiano de la Casa del Jazz/L’Espresso, ospiti Roberto Cecchetto, Giuseppe Milici, Natalio Mangalavite, Bruno Marcozzi e con la partecipazione straordinaria di Filippo Timi e un disco per il mercato giapponese, con Luca Mannutza, Lorenzo Tucci e Nicola Muresu e ospiti Marco Tamburini e Max Ionata, dal titolo “Black Spirit”.

Nel 2010 ha partecipato al bellissimo progetto “Complete Communion”, ideato dal batterista italo francese Aldo Romano con Henri Texier e la formidabile altista Geraldine Laurent. Il CD live è uscito allegato a Musica Jazz e la versione in studio è stata pubblicata dalla prestigiosa label francese DREYFUS. Nel giugno 2010, grazie all’idea degli organizzatori del Festival di Bolzano, nasce il duo con Luciano Biondini che si rivela subito un successo. In autunno 2010 realizzano una piccola tournée africana e nel 2011 hanno tenuto moltissimi concerti. Alla fine dell’anno 2010 Fabrizio ha dato vita ad un nuovo trio, con Alberto Marsico all’organo hammond e pianoforte, e Alessandro Minetto alla batteria. Con loro ha registrato “Spiritual”, album molto apprezzato dalla critica e richiesto dai festival estivi e non solo. Sempre a fine 2010 ha registrato il disco “Libero” con il quartetto storico e l’aggiunta del chitarrista Roberto Cecchetto, pubblicato in Giappone per la PONY CANYON.

Sempre nel 2010 nasce una collaborazione “extrajazz” con il cantante, compositore e chitarrista Filippo Tirincanti, che ha pubblicato nell’aprile 2011 la sua opera prima, “Otherwise”, nella quale la poetica di Fabrizio s’intreccia magnificamente con gli intenti del cantautore di Riccione.

Ancora Top Jazz 2010 come miglior trombettista e ancora Sanremo nel 2011, questa volta al fianco di Raphael Gualazzi, che stravince la categoria giovani. A Febbraio 2011 si è tenuta anche la prima data del duo con Rosario Bonaccorso ”estratto” dal quartetto del contrabbassista “Travel Notes”, con il quale Fabrizio ha inciso il disco uscito a Gennaio 2012 per la PARCO DELLA MUSICA RECORDS. Il mondo musicale e narrativo di Bonaccorso si addice in modo speciale a Fabrizio, che vi partecipa con intensità e naturalezza straordinarie. A Maggio Fabrizio si impegna in un altro sodalizio eccellente, quello col pianista Nazzareno Carusi, con il quale affronta i mondi affascinanti di compositori come Schumann e Schubert. Sempre nel 2011 nasce “Il Sorpasso in Jazz”, con regia di Emilio Sioli in cui il quartetto commenta alcune immagini del capolavoro di Dino Risi.

Il 21 e 22 giugno 2011 Fabrizio ha registrato a Londra, agli Air Studios, “Enchantment – L’Incantesimo” (SCHEMA) con la London Symphony Orchestra. Il progetto è dedicato alla musica di Nino Rota in occasione del centenario della nascita. Gli arrangiamenti e la direzione d’orchestra sono del M° Stefano Fonzi, che è stato anche l’ideatore del progetto. Con lui la ritmica di Claudio Filippini al pianoforte, Rosario Bonaccorso al contrabbasso e Lorenzo Tucci alla batteria.

Enchantment” ha già un curriculum concertistico. Il repertorio viene eseguito con orchestre residenti ed è stato per ora suonato a Sulmona, Caserta, Ravenna, Taranto, Matera, Roma, nella sala A di via Asiago e trasmesso su RAI RADIO1, a Castellaneta, a breve nelle Marche e a Vicenza, in attesa delle numerose date estive.

Il 17 febbraio scorso Fabrizio ha calcato nuovamente il palco dell’Ariston per il Festival di Sanremo come special guest di Nina Zilli.

Nel mese di marzo ha partecipato come ospite musicale fisso alle quattro puntate della trasmissione, in onda su Canale 5, “Panariello non esiste”, esibendosi con artisti come James Taylor, Massimo Ranieri, Rocco Papaleo, Claudio Baglioni, Renato Zero.

A maggio 2012 quattro concerti tra il Blue Note di Nagoya e quello di Tokyo e la partecipazione al Festival Poiesis di Fabriano con il progetto You’ve Changed e con una particolarissima performance con Pierfrancesco Favino. A fine giugno torna in RAI per eseguire in diretta dallo studio 2 di via Teulada, la sigla dell’ultima puntata di Ballarò, il seguitissimo programma di approfondimento condotto da Giovanni Floris. Il 30 Giugno inaugura il Festival di Ravello con Enchantment, eseguito nel meraviglioso Belvedere di Villa Rufolo con la Nuova Orchestra Scarlatti.

L’estate 2012 conferma Fabrizio come uno degli artisti più apprezzati e amati del momento: a Umbria Jazz, sul palco del Teatro Morlacchi, esegue le due partiture di Gil Evans “Miles Ahead” e “Quiet Nights” con la Eastman Jazz Orchestra diretta da Ryan Truesdell, alternandosi con Paolo Fresu che ha invece eseguito “Porgy & Bess” e “Sketches of Spain”.

I due trombettisti si sono poi ritrovati insieme sul palco per i richiestissimi bis con grande entusiasmo del pubblico. In ottobre Fabrizio ha partecipato al Santiago Jazz festival con Antonello Salis, rappresentando l’Italia.

Il 22 novembre è uscito per la Abeat la nuova fatica discografica: “Face to Face”, in duo con il grande fisarmonicista Luciano Biondini.

Nel Febbraio 2013 ha partecipato al Festival di Sanremo nuovamente al fianco di Raphael Gualazzi.

 
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...