SAXOFOLLIA SPOTIFY


Annunci

ITALIAN SAXORCHESTRA @ 200° ANNIVERSARIO ADOLPHE SAX


FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL SASSOFONO
DEDICATO A 200° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI ADOLPHE SAX
SAN PIETROBURGO NOVEMBRE/DICEMBRE 2014

foto1a

6 dicembre 2014 San Pietroburgo

Italian Saxophone Orchestra

Letizia Ragazzini (sax sopranino)

Ivan Curzi, Emiliano Rodriguez (sax soprano)

Stefano Pecci, Laura Masciotti, Michele Paolino (sax alto)

Davide Bartelucci, Cristiano Rotatori (sax tenore)

Massimo Valentini, Laura Roccheggiani (sax baritono)

Fabrizio Benevelli (sax basso)

1399257_380485878784089_8321728070373923615_o

Composta da 12 sassofonisti è un gruppo unico nel suo genere in Italia. Costituitasi nel 1985, ha tenuto concerti in tutta Italia riscuotendo entusiastici consensi. L’orchestra comprende nel suo organico tutti gli strumenti della famiglia dei sassofoni: il sopranino, il soprano, il contralto, il tenore, il baritono e il basso; la sua ricchezza timbrica ha sollevato l’interesse di molti compositori che gli hanno dedicato loro musiche. Il repertorio spazia dalla musica rinascimentale alla musica dei periodi classico-romantico fino ai nostri giorni includendo anche un nutrito numero di brani jazzistici. La Saxophone Orchestra ha appena effettuato un tour di concerti in Russia con importanti concerti a San Pietroburgo in occasione del Festival di Musica da Camera “Palazzi di San Pietroburgo”. Il repertorio spazia dalle trascrizioni classiche, alle composizioni originali del ‘900, ai brani contemporanei, al jazz. Principali autori: Gabrieli, Bach, Rossini, Beethoven, Catel Borodin, Bizet, Joplin, Stravinsky, Milhaud, Mancini, Tesei, Cesa, Minciacchi, Nicolau, Balliana, Rossé, Gershwin, Poulenc, Weill, Bernstein, Matitia, Rex, Kinaston, Gillespie, Shorter, Parker, Corea, Comoglio.

Direttore e solista Federico Mondelci

1965700_380486025450741_3801245170773863833_o

Docente, camerista, Solista e Direttore d’Orchestra, Federico Mondelci è da trent’anni, uno dei maggiori e più apprezzati interpreti del panorama musicale internazionale. Diplomato in sassofono al Conservatorio di Pesaro, ha studiato anche canto, composizione e direzione d’orchestra; ha perfezionato gli studi al Conservatorio Superiore di Bordeaux sotto la guida del M° Jean-Marie Londeix, diplomandosi con “Medaglia D’Oro” all’unanimità. Federico Mondelci svolge la sua carriera a fianco di orchestre quali la Filarmonica della Scala con Seiji Ozawa, I Solisti di Mosca con Yuri Bashmet, la Filarmonica di San Pietroburgo e la BBC Philharmonic sui palcoscenici più famosi del mondo: in Europa, Usa, Australia e Nuova Zelanda. Il suo repertorio non comprende solo le pagine ‘storiche’ ma è particolarmente orientato verso la musica contemporanea e Federico Mondelci affianca il suo nome accanto ai nomi dei grandi autori del Novecento (quali Nono, Kancheli, Glass, Donatoni, Sciarrino, Scelsi, Gentilucci, Graham Fitkin, Nicola Piovani e altri compositori della nuova generazione); eseguendone le composizioni spesso a lui espressamente dedicate, produzioni di straordinario successo che lo conclamano come raffinato solista di raro e straordinario talento. Federico Mondelci ha registrato il repertorio solistico con orchestra, (sia il repertorio per duo con pianoforte sia per ensemble), per le etichette Delos e Chandos, e numerose produzioni che riflettono il suo grande entusiasmo per la musica contemporanea, come il CD RCA dedicato ad autori italiani e quello monografico su Giacinto Scelsi (per l’etichetta francese INA); quest’ultimo ha in fine ottenuto il “Diapason D’Or”. Alla apprezzatissima carriera di solista, il maestro Mondelci, nel tempo, affianca una sempre più rilevante carriera nella Direzione D’Orchestra, dirigendo con crescente passione e convincente professionalità, orchestre e solisti di fama mondiale. Ed ultimi quindi, ma non meno importanti, proprio i successi conseguiti nella direzione d’orchestra, al cui centro spiccano i nomi di celebri solisti, come Ilya Grubert, Michael Nyman, Kathryn Stott, Pavel Vernikov, Nelson Goerner, Francesco Manara, Natalia Gutman e Luisa Castellani. Fondatore inoltre nel 1982 dell’Italian Saxophone Quartet e nel 1995 dell’Italian Saxophone Orchestra, si esibisce con entrambe queste apprezzate formazioni sia in Italia che all’estero, riscuotendo grande successo di pubblico e critica. Nella doppia veste di direttore e solista, Federico Mondelci ha già in programma, per la prossima Stagione 2012-13, numerosissimi impegni: in Italia sarà protagonista in importanti appuntamenti quali il Festival delle Dolomiti, il Festival delle Nazioni; dirigerà l’Orchestra Toscanini di Parma, l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orch. della Fondazione Tito Schipa di Lecce, la Sinfonica Siciliana e la Sinfonica di Sanremo; all’estero si esibirà con la Bangkok Symphony Orchestra, la National Symphony Orchestra of Georgia e la prestigiosa Orchestra Sinfonica di San Pietroburgo, dove è da anni ospite regolare nella stagione diretta da Yuri Temirkanov.  (www.federicomondelci.com)

2014-Vissi D’arte


10750210_10152514803441693_6340406174525745290_o

2014-Vissi D’arte (coming soon).

Se ne andava il 29 novembre 1914 Giacomo Puccini.

Con questo singolo il Quartetto Saxofollia vuole rendere omaggio, per i 90 anni dalla sua scomparsa, al compositore toscano, tra i più rivoluzionari della sua epoca.

Puccini, tra le altre cose, è stato il primo in Italia ad aver inserito il saxofono nell’organico di un’opera lirica, Turandot, come diapason melodico durante il coro dei bambini.

Disponibile su iTunes e Spotify dal 29.11.2014

Arrangiamento: Roberto Sansuini.
Registrato allo Studio ERMES di Vignola (MO)
Mix e Master: Blue Beet Studio di Lucio Boiardi Serri (RE)
Produzione: Trifonica Edizioni Musicali
Progetto Grafico: Liviana Davì

La copertina è tratta da uno schizzo di Martha Simili, musicista e pittrice, che immagina un Giacomo Puccini ispirato saxofonista.

BBB (dir. F. Benevelli ) feat Walter Ricci


SABATO 8 NOVEMBRE 2014

TEATRO SECCI – Terni ore 18.30

Briccialdi Big Band

Gli archi del Briccialdi

Con la partecipazione del cantante jazz  WALTER RICCI.

Direttore prof. Fabrizio Benevelli

picture-2

George Gershwin Porgy and Bess Suite

Richard Rodgers The lady is a tramp

Jimmy Mundy Trav’lin Light

Richard Rodgers My funny Valentine

Arold Harlen Over the Rainbow

Ennio Morricone Ennio Morricone Medley

Cole Porter I’ve got you under my skin

Sacha Distel The good life

Seymor Simons All of me

Oasis Wonderwall

Soundgarden Black Hole Sun

Charles Trenette Beyond the sea

Michael Bublè Sway

BRICC BIA

VOCE Walter Ricci, Lucia Filaci, Lucia Giannini, Mona Hallab

VIOLINI Prof. Paolo Ciociola, Francesca Stefanini, Emanuele Rantica, Cristiano Urso, Gionatan Scoppetta, Antonio Margheriti, Veronica Canestrini, Camilla Fausti, Niccolò Ceccarelli, Zakaria Hammad, Veronica Bocci, Anna Chiappalupi, Elena Madaro

VIOLE Prof. Flaminia Zanelli, Chiara Mazzocchi, Rosa Calabrese

VIOLONCELLI Prof. Daniela Petracchi, Elena Bianchetti, Elisa Ciuffetti, Gabriele Boccio

SAXOFONI Alessio Micheli, Leonardo Crescimbeni, Andrea Leonardi, Francesco Dominicis, Andrea Piccione, Lorenzo Stentella

FLAUTI Chiara Dragoni, Jacopo Urso

CLARINETTI Marco Petrucci, Sofia Cocco

TROMBONI Prof. Max Costanzi, Flavio Placidi, Lorenzo Rosati, Giovanni Dominicis, Eugenio Renzetti, Matteo Paluzzi

TROMBE Prof. Andrea Di Mario, Antonio Mandosi, Filippo Finucci, Gabriele Gaiba, Lorenzo Creti, Daniele Leonardi, Filippo Calandri

PIANOFORTE Prof. Alessandro Bravo, Lorenzo Pizzuti

CHITARRA Federico Ceriola

CONTRABBASSO Matteo Fabrizi, Tiziano Marchetti

BATTERIA & PERC. Prof. Fabio d’ Isanto, Giulio Calandri, Dimitri Fabrizi, Giacomo Bacchio, Giovanni Nardo

nota

Composta da allievi dell’Istituto Musicale di Studi Superiori “G. Briccialdi” di Terni la Briccialdi Big Band è nata nell’ nno accademico 2010/11 a scopo didattico. Il gruppo, attualmente diretto dal prof. Fabrizio Benevelli, è composto da una sezione ritmica classica (pianoforte, chitarra, basso, batteria), fiati (saxofoni, trombe e tromboni) e percussioni. La Briccialdi Big Band propone un repertorio che spazia dal jazz di “In the mood” di Glenn Miller al latin di “Oye come va” di Tito Puente, dal funky degli Earth, Wind & Fire alla fusion di “On Brodway” (resa celebre dal chitarrista George Benson) e ha al suo attivo numerosi concerti in città e fuori. Dal 2013, grazie alla collaborazione con la classe di Canto dell’Istituto “G .Briccialdi”, si aggiungono alla BBB alcune voci soliste nell’interpretazione di brani swing come “It don’t mean a thing” di Duke Ellington e brani pop come “Street Life” di Randy Crawford.

I componenti dell’Orchestra partecipano a masterclass tenute da docenti di chiara fama come Marco Ferri e Mike Applebaum, che in veste di direttori e solisti hanno guidato la BBB in svariati concerti. Nell’anno accademico la BBB 2013/14 ha affrontato importanti pagine di George Gershwin, Igor Stravinsky e Leonard Bernstein, sotto la direzione di Fabio Maestri.

A febbraio 2014 la BBB ha accompagnato il celebre trombettista jazz Fabrizio Bosso in occasione del SanValentino Jazz Festival, con un concerto presso il Centro Multimediale di Terni che ha riscosso un caloroso successo. A luglio 2014 l’ incisione del primo CD del gruppo musicale, principalmente dedicato a brani per solista e big band.

BRICCIALDI

Walter Ricci classe 1989, nasce e cresce in un ambiente musicale. Suo padre Luigi, diplomato al conservatorio, lo stimola ad ascoltare ogni genere musicale, dalla classica al jazz. Sarà però il jazz a incuriosirlo e ad appassionarlo fin da giovanissimo. Ascolta e apprende i vari stili, dallo swing al bebop, fino al contemporary jazz. A otto anni inizia a cantare imitando colossi come Frank Sinatra, Tony Bennet ed Ella Fitzgerald, e a undici comincia a studiare, con l’ausilio del pianoforte, la tecnica dell’improvvisazione. In tre anni raggiunge una maturità tale da consentirgli di affiancare sul palco musicisti già noti e si allena nella migliore palestra per questo genere musicale, la jam-session. Si esibisce con il suo quartetto dall’eta di quattordici anni e nel 2006 vince il “Premio Nazionale Massimo Urbani”. Dal 2008 collabora con prestigiosi nomi del panorama italiano e internazionale, quali Stefano Di Battista, Lorenzo Tucci, Guido Pistocchi, Mario Biondi, Daniele Scannapieco. Ha partecipato all’edizione 2009-2010 di Domenica In, collaborando con artisti di fama internazionale. Nonostante la sua giovane età, Walter Ricci continua ad esibirsi con il suo quartetto e in altre formazioni, unendo all’eredità della grande tradizione dei crooners d’oltre Oceano l’influsso di generi contemporanei, che confluiscono spontaneamente in uno stile contaminato da nuove sonorità, spaziando abilmente dal jazz al pop.

walter-ricci-foto

Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Prenotazioni presso Istituto “G. Briccialdi”, Via del Tribunale, Terni

Concerti della Via Lattea – Vissi d’ Arte


10495579_10152286750756693_4147925709085270542_o

“Vissi d’arte” arriva anche in provincia di Modena. Il giorno 7 Agosto il quartetto saxofollia eseguirà, per la nota rassegna “I concerti della via lattea” il nuovo programma da concerto “Vissi D’arte” tutto dedicato all’Italia ed alla sua tradizione musicale.

Il programma, interamente composto da trascrizioni, segue cronologicamente la storia e lo sviluppo dei generi che dal periodo Barocco arrivano fino ai giorni nostri.

L’apertura del concerto sarà dedicata a due autori esponenti delle grandi tradizioni del sei/settecento: Vivaldi, della scuola veneziana, compositore, operista nonché inventore del concerto solista e Scarlatti, esponente della scuola napoletana, la cui musica ha contribuito a gettare le basi dello stile detto “classico”.

Successivamente si ascolteranno due brani con estratti dalle opere di Rossini e Puccini, grandi nomi che hanno coronato il binomio, oggi marchio di fabbrica e qualità in tutto il mondo, tra il Bel Paese e l’opera lirica.

Parlando di Italia non è possibile tralasciare il cinema e quindi di musica da film attraverso le splendide melodie dei premi oscar Nino Rota, Ennio Morricone e Nicola Piovani.

Il concerto si chiude trovando un punto di incontro tra le origini jazzistiche del saxofono e la musica melodica italiana con un omaggio al grande Bruno Martino ed alla sua “Estate”.

Un programma vario, che attinge dalla grande tavolozza dei generi musicali facendo combaciare tradizione e modernità, musica classica e musica moderna e con l’orecchio sempre proteso a quella che è la grande qualità del made in Italy oggi portata sul palco da Saxofollia.

 

10603469_10152295372261693_703542513493328739_n

SAXOFOLLIA, Vissi d’ Arte, Rocca di Soragna (PR)


10513288_10152347439507561_210291297239016257_n

Mercoledì 30 Luglio 2014 ore 21

La Rocca di Soragna

Piazza Meli Lupi, Soragna (PR)

Vissi D’arte è l’omaggio che il quartetto Saxofollia porge all’Italia ed alla grande tradizione musicale che si tramanda da secoli nel nostro paese.

Quaretto saxofllia II

Il programma, interamente composto da trascrizioni, segue cronologicamente la storia e lo sviluppo dei generi che dal periodo Barocco arrivano fino ai giorni nostri.

L’apertura del concerto sarà dedicata a due autori esponenti delle grandi tradizioni del sei/settecento: Vivaldi, della scuola veneziana, compositore, operista nonché inventore del concerto solista e Scarlatti, esponente della scuola napoletana, la cui musica ha contribuito a gettare le basi dello stile detto “classico”.

Successivamente si ascolteranno due brani con estratti dalle opere di Rossini e Puccini, grandi nomi che hanno coronato il binomio, oggi marchio di fabbrica e qualità in tutto il mondo, tra il Bel Paese e l’opera lirica.

Parlando di Italia non è possibile tralasciare il cinema e quindi di musica da film attraverso le splendide melodie dei premi oscar Nino Rota, Ennio Morricone e Nicola Piovani.

Il concerto si chiude trovando un punto di incontro tra le origini jazzistiche del saxofono e la musica melodica italiana con un omaggio ai grandi Lelio Luttazzi e Nicola Arigliano.

Quartetto motorino

Un programma vario, che attinge dalla grande tavolozza dei generi musicali facendo combaciare tradizione e modernità, musica classica e musica moderna e con l’orecchio sempre proteso a quella che è la grande qualità del made in Italy oggi portata sul palco da Saxofollia.